Smetti di ignorare l’accessibilità e posizionati più in alto in SERP

Ale

Published on

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) e le tecniche di accessibilità al web sono cose abbastanza diverse con obiettivi diversi, ma a volte si sovrappongono: migliorare l’accessibilità complessiva di un sito web può aiutare il motore di ricerca a indicizzare i contenuti e dargli un punteggio elevato, oltre a rendere il sito o l’applicazione web accessibile a un pubblico più vasto.

Cos’è l’accessibilità al Web?

L’accessibilità al Web è un insieme di pratiche e tecniche il cui scopo è rendere i contenuti del Web accessibili anche a persone affette da disabilità e che non utilizzano tecnologie ausiliarie. Si riferisce alle pratiche inclusive di rimozione delle barriere che impediscono l’interazione o l’accesso ai siti web da parte di persone con disabilità.

In che modo influisce sul ranking di Google?

Il motivo principale per cui migliorare l’accessibilità ha un impatto positivo sulla SEO è che, quando “naviga” un sito web, Google è essenzialmente sordo e cieco: le sue capacità tecniche sono in qualche modo limitate e può ottenere informazioni solo se presentate nel modo giusto, come un tecnologia assistiva. Quindi, esporre i contenuti in questo modo ci dà la possibilità di essere visti da Google, e quindi indicizzati ed essere visibili in una SERP per le parole chiave rilevanti, oltre che dagli utenti che utilizzano una tecnologia assistiva.

Come puoi aumentare il tuo posizionamento su Google con l’accessibilità al Web?

Contenuti alternativi

Il primo passo è fornire contenuti alternativi sotto forma di testo normale a qualsiasi elemento non testuale della pagina Web, come immagini, video o clip audio. Queste informazioni saranno recepite da un vasto pubblico, incluso persone non udenti, utenti che si trovano in una libreria e non possono ascoltare l’audio (sì, una menomazione può essere causata dalla situazione temporanea in cui si trova l’utente) e, ovviamente, dal bot di Google.

Ancore

Un’altra serie di tecniche di accessibilità riguarda le ancore: ad esempio, avere un testo altamente descrittivo, indicando chiaramente dove punta l’ancora (evita di “fare clic qui”) influisce positivamente sia sull’esperienza dell’utente che sul fattore di ranking; controllare che tutti gli anchor funzionino (ovvero: nessun collegamento interrotto) è un altro bel modo per aiutare il tuo utente e il bot di Google.

Struttura

Anche la struttura gioca un ruolo importante: il contenuto HTML deve essere codificato utilizzando i tag appropriati, soprattutto quando si tratta di intestazioni. Le intestazioni di una pagina web sono uno dei contenuti più importanti, poiché danno all’utente (umano e non) la visione generale su di essa e il rapporto tra le sezioni.

——————–

Altri miglioramenti dell’accessibilità sono legati all’esperienza utente e al design e possono influenzare “segnali di qualità” come il tempo trascorso su una pagina Web o la frequenza di rimbalzo. Ad esempio, è più probabile che un sito Web con un’architettura molto disordinata e una navigazione confusa venga presto abbandonato dall’utente. Queste informazioni vengono utilizzate da Google per determinare la qualità dei contenuti: le pagine il cui tempo trascorso su di esse è davvero poco sono classificate in basso, risultando quindi molto lontane dai primi risultati in una SERP.

Allo stesso tempo, è più probabile che un sito web utilizzabile sia referenziato o backlinked da altre fonti (siti web, blog, ecc.): più viene referenziato, più alto è il ranking.

Infine, una menzione speciale al mobile-friendly: oggi è uno dei fattori di ranking più importanti per Google.

Prenota una consulenza gratuita per far partire il tuo progetto!

IDEE DIGITALI CHIARE

Discuteremo i tuoi obiettivi e condivideremo le nostre conoscenze e competenze sulla progettazione e pianificazione del tuo sito e della tua strategia digitale, aiutandoti con l'implementazione o l'innovazione dei tuoi servizi digitali.

Prenota il tuo Progetto